Concerto per la Pace dell’ 8 Marzo 2022 – Lettera del Direttore Giuliani

Desidero esprimere pubblicamente, come europeo prima che come direttore, i miei più profondi ringraziamenti a Sofiia, soprano ucraina, e ad Anna, soprano russa, per aver con coraggio e sapienza artistica affrontato la sfida del Concerto per la Pace, che l’Orchestra d’archi del Conservatorio ha tenuto ieri sera al Pantheon, in diretta streaming mondiale sul portale del Ministero della Cultura.
Il loro omaggio a tutte le donne e a tutte le madri è diventato un messaggio di speranza nella forza del dialogo, portato avanti anche attraverso la forma comunicativa della musica.
Grazie anche al contralto Federica, che ha cantato assieme a Sofiia lo Stabat mater di Pergolesi, a Michelangelo che ha diretto, e a Massimo, Sebastian, Francesca, Victor, Zulfiia, Isik, Mariana, Maria Vittoria, Alessandro, Benedetto, Lorenzo, Sofia, Leonardo, Alessandro, Isabella, Nadia, Moisés, Mary, Camila, Luicelis, Matteo, Giulia, Erminia, Alessandro, Marco Valerio, Mayra Stella, Pietro, Maurizio, Giulia e Carlo, che con la temperatura vicina allo zero di ieri sera non hanno rinunciato a dar pensiero e corpo all’azione artistica; un momento importante per chi spera, per chi ha diritto alla libertà, in un passaggio importante per la loro vita di giovani, e per quella di coloro che pensano che anche i piccoli gesti possano muovere gli animi verso grandi risultati.
Grazie anche alla Presidenza e all’Amministrazione tutta del Conservatorio, che a fianco dei funzionari del Ministero della Cultura e al loro staff hanno reso possibile in pochi giorni la realizzazione di questo evento di alto valore simbolico, alla presenza tra gli altri del Sottosegretario alla Cultura, del Ministro del Turismo, del Cancelliere dell’Esarcato Apostolico per i cattolici ucraini, della Direttrice dei musei statali e della Direttrice del Pantheon.
Il Concerto per la Pace è stato ripreso da RAI1 e dal Tg2, oltreché da Il sole 24 ore, Messaggero, Affari italiani, Agenziacult, Ansa, Lapresse, Meiweb ecc. ed è pubblicato interamente all’indirizzo https://www.youtube.com/watch?v=3KV2kPpY5jE